Aumentare le difese con lo sport.

Se l’approccio alimentare è fondamentale per il miglioramento delle difese immunitarie, l’esercizio fisico, i cui effetti sono stati studiati attentamente dagli epidemiologi negli ultimi dieci anni, si è rivelato come il fattore determinante per mantenere la salute e rallentare l’invecchiamento. Tuttavia, nella società odierna, viene ancora troppo spesso trattato alla stregua di un male necessario per perdere peso. Da numerose ricerche, invece, è emerso che la pratica costante di un’attività sportiva stimola la produzione di endorfine, favorendo così uno stato di benessere psicofisico.

In un programma orientato al potenziamento delle difese immunitarie e a rallentare il processo di invecchiamento del corpo, l’esercizio fisico deve avere un ruolo decisamente centrale nella vita di tutti i giorni. La maggior parte delle ricerche scientifiche indica come dose minima quotidiana di esercizio fisico una passeggiata di mezz’ora. Se per accelerare il metabolismo è consigliabile estendere la durata dell’impegno fisico fino ad un’ora, per ottenere effetti vantaggiosi per la salute generale si può anche pensare a una serie di passeggiate più brevi, purché il tempo a esse destinato raggiunga complessivamente la mezz’ora. Vanno bene, ovviamente, dosi equivalenti di altre attività aerobiche moderate: nuotate, pattinare, andare in bicicletta, giocare a tennis etc… Non è la disciplina scelta a fare la differenza, l’importante è muoversi con regolarità.

L’importanza della varietà.

Perchè le diverse funzioni del corpo raggiungano una perfetta sintonia, è innanzitutto opportuno praticare sport di carattere aerobico, che hanno il pregio di tenere allenate le difese immunitarie, le ossa e i muscoli. E’ utile anche dedicarsi a lavori corporei più completi, capaci cioè di risvegliare la consapevolezza fisica, insegnare a usare il corpo in modo più efficiente, conservare flessibili le articolazioni e smuovere l’energia e la vitalità. Chi è sovrappeso può trarre molti vantaggi dal movimento, e non solo dal punto di vista estetico: un peso elevato, infatti, può determinare futuri disturbi.

I benefici dello sport.

Gli esercizi aerobici garantiscono all’organismo i vantaggi più rilevanti: impegnano quasi tutti i muscoli del corpo, senza sforzarli eccessivamente, stimolano le funzioni respiratorie e cardiovascolari, aiutano a riequilibrare la pressione arteriosa, aumentano i valori del colesterolo “buono”, aiutano a prevenire il diabete e consentono di curarlo con meno farmaci. In base alle attuali conoscenze, una regolare attività fisica appare come l’unico strumento affidabile per contenere il rallentamento spontaneo del metabolismo. Altro effetto documentato, verificabile nell’esperienza di tutti, è quello di migliorare l’umore e influire positivamente su squilibri psicoemotivi, come stress, depressione e insonnia.

Ascoltare il corpo.

Quando si deve scegliere un’attività fisica, è utile compiere diverse esperienze e osservare da quale si ricava la maggiore sensazione di benessere. Anche i muscoli che fanno male possono dare un’indicazione di quali parti del corpo si utilizzino meno e orientare così alla forma di allenamento più adatta. Un affanno che insorge quasi subito può suggerire  di dedicare maggior tempo e attenzione alla tecnica di respirazione. Eventuali dolori alle articolazioni richiedono invece di essere verificati con un allenatore in grado di suggerire una tecnica corretta.

stretching

1° Wellness Week al FSV

Ci siamo… Dal 14 al 19 Novembre 2016, il Falco Sport Village organizzerà la prima Wellness Week: un’intera settimana dedicata alla prevenzione e, in generale, al benessere a 360°. Grazie a questa splendida iniziativa avrete la possibilità di usufruire, in maniera del tutto gratuita, di visite mediche specialistiche e corsi speciali extra planning, entrambi su prenotazione.

In occasione di questa settimana davvero speciale, ho pensato di dedicare i miei corsi di Risveglio Muscolare [lunedì 14, mercoledì 16 e venerdì 18 novembre alle 9.30] e quello di YogaFit [mercoledì 16 novembre alle 16.oo] alla prevenzione e al benessere della colonna vertebrale, con delle lezioni specifiche dedicate alla salvaguardia della nostra schiena.

La rigidità del collo o dell’area lombare, infatti, è uno stato di malessere fisico che porta ad una seria limitazione dei movimenti, con dolori e mialgie. Perchè non prevenirla con esercizi specifici?

Se vi ho convinti, vi invito inoltre a prenotare la Special Class di Sabato 19 Novembre, alle 10.30, con la mia insegnate di Yoga “Ilenia Vitale” per una lezione di Hatha Yoga incentrata sul ritrovamento dell’equilibrio tra corpo e spirito.

Prenditi cura di te e inizia a volerti bene davvero… Ti aspetto!

schiena

YogaFit Diary

Ogni settimana, durante il corso di YogaFit, meditiamo su un argomento e condividiamo le nostre esperienze. Ecco il percorso di quest’anno.

Mercoledì 5 Ottobre 2016

“Le persone riflettono troppo su ciò che devono fare e troppo poco su ciò che devono essere. Se non capisci chi sei, la felicità non può raggiungerti”.

Abbiamo inaugurato la prima lezione dell’anno di YogaFit con un argomento molto importante. La differenza tra l’essere e l’apparire, tra ciò che vogliono gli altri e ciò che invece voglio io. Solo se sappiamo davvero chi siamo possiamo realizzare ciò che il nostro cuore vuole davvero. Liberi dalla paura di essere giudicati.

Mercoledì 12 Ottobre 2016

“Se c’è una soluzione perchè ti preoccupi? Se non c’è una soluzione perchè ti preoccupi? Tu sei per te stesso la forza più grande”.

Nella seconda lezione, ci siamo concentrati sulla “forza” (fisica e mentale). Nessun problema si risolve lamentandosi. Bisogna “fare”… Agire concretamente! E questo “fare” deve partire da noi… Dalla nostra voglia di cambiare lo stato delle cose o quanto meno il punto di vista dal quale lo guardiamo.

Mercoledì 19 Ottobre 2016

“Tutto ciò che esce da noi, torna a noi, quindi non serve preoccuparsi di ciò riceviamo. E’ meglio preoccuparsi di ciò che diamo. Aiutiamo il prossimo senza aspettarci nulla in cambio”.

L’altruismo è un sentimento positivo… Ma va giustamente dosato. Quando aiutiamo il prossimo, dobbiamo farlo rispettando la sua sensibilità, allinearsi al suo stato, cercare di entrare in empatia con lui e capire quando è il momento di fermarsi e di lasciarlo camminare nuovamente da solo. Dare non per ricevere ma per sostenere.

Mercoledì 26 Ottobre 2016

“Se vuoi essere creduto, sii onesto. Se vuoi essere onesto, sii sincero. Se vuoi essere sincero, sii te stesso”.

Quanto costa, al giorno d’oggi, essere onesti prima di tutto con se stessi e poi con gli altri? La sincerità, infatti, è probabilmente una delle poche virtù più predicate e meno praticate. Esserlo, rispettando la sensibilità altrui, vi aiuterà non solo a sentirvi meglio ma anche a liberarvi di tutte le persone negative che vi circondano.

Mercoledì 2 Novembre 2016

“Vuoi essere felice per un istante? Vendicati! Vuoi essere felice per sempre? Perdona!”.

Serbare rancore fa male solo a se stessi, non ci fa ottenere nulla. Perdonare anche se stessi quando facciamo un errore è sintomo di chi ha capito che imparando dall’errore compiuto è possibile evitare di ripeterlo. Perchè non iniziare da ora ad essere meno severi con voi stessi e verso gli altri?

Mercoledì 9 Novembre 2016

“Ho avuto un sacco di preoccupazioni nella mia vita, la maggior parte delle quali non sono mai successe!” 

Imparate a sviluppare un senso di meraviglia nei confronti della vita. Concentratevi sulla bellezza di ogni singola cosa: siate grati per il fatto di svegliarvi ogni mattina; prendete il massimo da ogni singolo giorno della vostra vita, non date mai nulla per scontato e imparate ad apprezzare la bellezza che sta intorno a voi.

Vi aspetto al Falco Sport Village. Puntuali… Ore 16.00.

yogafit-diary

Il segreto della felicità.

E’ il modo in cui viviamo le cose che le rendono tali. E oggi ci credo un po’ di più. Ecco perchè.

Mi capita sempre più spesso di essere felice senza un motivo specifico… Di sorridere ascoltando una canzone alla radio, mentre osservo il cielo azzurro sgombro da nuvole o semplicemente mentre svolgo il mio stupendo lavoro (che per molti, lavoro non è).

I primi sintomi di questa strana “pazzia” sono comparsi circa un anno fa, quando grazie al consiglio di un mio caro amico, ho iniziato un corso di Yoga e con esso un percorso di meditazione che mi ha portato, piano piano, ad un nuovo livello di consapevolezza.

“Tu sei per te stesso la forza più grande” è stata la prima frase che ho ascoltato a lezione e che ho fatto subito mia… Ero disteso a terra, con gli occhi chiusi e una strana energia si impadronì del mio corpo… Una sensazione di benessere mi impediva di tenere il viso “rilassato” e iniziai a sorridere, grato per la scomparsa di tutte le ansie e di tutte le paure che fino a quel momento avevano albergato dentro di me.

Da quel giorno ho iniziato a guardare le cose da una nuova prospettiva con la consapevolezza che nulla di tutto ciò che ci capita, accade senza un motivo specifico. Le esperienze che viviamo, le persone che incrociamo e i sentimenti che proviamo, ci danno la possibilità di evolvere, di diventare altro rispetto a quello che siamo stati fino a quel momento. Sta a noi la capacità di prenderne solo il buono, lasciando tutto il resto alle nostre spalle.

Se vi è capitato di vivere una situazione negativa, un sentimento non corrisposto, il tradimento di un amico o un trauma inaspettato e improvviso, vi sarete sicuramente subito chiesti: “Perchè a me? Cosa ho fatto di male per meritarmi tutto ciò?”. Ebbene, in verità, a meno che non vi siate comportati davvero in maniera disonesta e abbiate calpestato la libertà e la sensibilità altrui, non avete fatto nulla di male per meritarvi un evento sfavorevole. Imparate semplicemente a vederne i lati positivi… A ciò che di buono vi potrebbe insegnare e al bagaglio di nuove consapevolezze che vi potrebbe regalare. Lo so, non è facile. Adesso starete pensando: “E’ una parola!”… Ma io non penso di essere un supereroe… E se ci sono riuscito io, potete riuscirci anche voi.

Oggi, chi mi guarda e mi vive quotidianamente, vede una persona serena, lontana anni luce da quella triste e “malata” di qualche tempo fa. Non sapere chi sei, cosa vuoi davvero, avere paura di essere mal giudicato o fare le cose solo per far felici gli altri, avevano pian piano indebolito la mia autostima e fatto lentamente “ammalare”. Per me è stato come un tumore… Un cancro dal quale sono guarito anche grazie al mio lavoro.

“Il fitness mi ha salvato la vita più volte”… E insieme a lui lo hanno fatto inconsapevolmente anche i miei allievi che, durante le mie classi, mi hanno sempre dato la grinta e la carica giusta per andare avanti… Sfogare positivamente le proprie angosce, liberarsi dalle preoccupazioni che ci attanagliamo quotidianamente, stancare il nostro corpo per ricaricare la nostra mente… E’ questo lo spirito con il quale vorrei sempre vederli fare lezione insieme a me… Senza il timore di essere giudicati.

Fregatevene! Per un attimo, nel rispetto di chi ci circonda, provate a pensare a voi e a ciò che vi fa stare bene.

Si dice che la vita è una sola…

happiness

Risveglio Muscolare

Un mix tra Pilates, Yoga e Ginnastica Posturale. Un corso più attento alla forza e alla flessibilità del corpo. La novità del 2016, al Falco Sport Village si chiama Risveglio Muscolare!

Da qualche anno si sente sempre più spesso parlare di “discipline olistiche”. Eppure, non tutti sanno esattamente di cosa si tratta.

Il termine “OLISTICO” (dal greco “HOLON”, cioè “TUTTO”) di per sé non ha un significato specifico ma lo si usa per identificare un insieme di discipline che operano allo scopo di sostenere, mantenere e migliorare lo stato di salute della persona attraverso specifiche metodiche volte a stimolare e rinforzare le naturali risorse della persona. Nella Medicina tradizionale l’individuo viene trattato come la somma di parti fisiche o psichiche più o meno malate, mentre nell’approccio “olistico” ogni individuo è considerato diverso dall’altro e viene osservato e trattato nella propria interezza.

Dall’idea di “mettere insieme” la parte fisica con quella spirituale di ognuno di noi, nasce il corso di Risveglio Muscolare, una ginnastica dolce, eseguita a corpo libero, che insegna a percepire il corpo e i propri movimenti con maggiore consapevolezza, per prevenire e combattere eventuali squilibri o semplicemente per muoversi in modo più armonico. L’originalità e la varietà degli esercizi sono tali da non annoiare mai la persona che si avvicina a questo tipo di ginnastica. Una volta appresa la tecnica, infatti, la maggior parte delle ripetizioni non sono mai lunghe e noiose.

Possono trarre beneficio dal Risveglio Muscolare le seguenti categorie:

  • sportivi che eseguono programmi di riabilitazione dopo eventi traumatici
  • adolescenti che possono correggere eventuali vizi posturali
  • donne in gravidanza che preparano corpo e mente al parto
  • donne dopo la gravidanza che vogliono riacquistare velocemente il tono muscolare e il benessere psicofisico
  • persone anziane che vogliono ritrovare l’elasticità del corpo.

Da quest’anno, il planning del Falco Sport Village si arricchisce di questa nuova, unica e speciale lezione. Potrete “allenarvi” a ritrovare la vostra forma fisica e “voi stessi” tutti i lunedì, mercoledì e venerdì alle 9.30.

Passate per una prova.

Pilates

Yoga Fit

Una lezione di Yoga più FITness… Più vicina alle esigenze dei clienti del Falco Sport Village, per ritrovare l’armonia tra corpo e spirito.

Dedicarsi allo Yoga Fit significa ricercare il benessere e l’armonia del corpo e della mente. E’ una via molto essenziale e semplice, dove la teoria riceve conferme immediate nella pratica.

Accostarsi a questa disciplina riserva, infatti, piacevoli sorprese. A cominciare dalle posizioni, molto meno complicate di quanto risulti all’apparenza, passando per la respirazione, fondamento della nostra vita e a cui non prestiamo sufficiente attenzione, fino alla concentrazione, alla meditazione, al rilassamento profondo.

Al di là degli incontestabili benefici per il corpo, ogni aspetto della pratica dello Yoga Fit permette di ritagliarsi uno spazio da dedicare al proprio benessere, mettersi in ascolto della parte più profonda di se stessi e ristabilire così un contatto che durante le attività quotidiane spesso si perde. In questo senso, dedicarsi a questa disciplina può essere d’aiuto, perchè offre la possibilità di integrare corpo e spirito e raggiungere un maggiore equilibrio.

Lo Yoga Fit offre anche molti vantaggi per la salute: la colonna vertebrale acquista flessibilità, la muscolatura e i legamenti si rinforzano progressivamente, con ottimi vantaggi per la postura e il sistema nervoso. Inoltre, agendo in modo profondo sugli organi, ma anche sui blocchi energetici, la pratica costante rende i processi di digestione, assimilazione ed eliminazione delle tossine perfettamente efficienti.

Il corso si svolge insieme a me, al Falco Sport Village, tutti i mercoledì alle 16.00.

Passate per una prova.

Yoga

Lo sport è vita!

Studi scientifici dimostrano che lo sport ti aiuta ad ammalarti di meno e a vivere meglio. Ecco come.

Far crescere il sistema immunitario non significa che di fronte ad un malattia dobbiamo solo fermarci e aspettare che passi. La natura e le medicine complementari forniscono infatti numerosi strumenti per intervenire in modo delicato ogni volta che questo sia possibile. Un cenno particolare meritano le malattie croniche e le infezioni ricorrenti, che sembrano essere diventati il vero problema della nostra epoca. Affezioni quali l’ipertensione, i disturbi intestinali o dell’apparato digerente, le cefalee, le dermatiti, le infezioni recidivanti della gola e dei bronchi, richiedono sempre un approccio su più fronti. Anche quando non sia possibile eliminarli completamente, è opportuno intervenire su aspetti apparentemente scollegati tra loro come:

  • lo stile di vita;
  • l’alimentazione l’apporto di vitamine e minerali;
  • le condizioni psicologiche;
  • l’ambiente esterno.

Questi sono, tra l’altro, i pilastri sui quali si fonda il potenziamento delle difese immunitarie per la prevenzione delle malattie più comuni.

L’esercizio fisico si è rivelato uno dei fattori determinanti per mantenere la salute e rallentare l’invecchiamento. Tuttavia nella società odierna viene ancora troppo spesso trattato alla stregua di un male necessario a perdere peso. Da numerose ricerche, invece, è emerso che la pratica costante di un’attività sportiva stimola la produzione di endorfine, favorendo così uno stato di benessere psicofisico.

Corsi come il Risveglio Muscolare (lunedì, mercoledì e venerdì mattina alle 9.30) e YogaFit (tutti i mercoledì alle 16, al Falco Sport Village di Striano), associati ad sano stile di vita e ad una dieta equilibrata, permettono di raggiungere e mantenere uno stato di benessere a tutte le età, anche (e soprattutto) in quella più avanzata. Il lavoro sull’autocontrollo e sulla ricerca dell’armonia interiore favoriscono inoltre l’autostima e l’acquisizione di una maggiore sicurezza e consapevolezza.

Il vero male è restare sul divano di casa. Mettetevi in movimento!

Nicola Ferrentino

difese-immunitarie

#London2016

E’ iniziato tutto per caso… E l’invito per un weekend a Londra a fine giugno si è presto trasformato in un invito per una settimana intera a metà agosto. Così, ho organizzato la mia vacanza di quest’anno nel giro di due giorni, con la complicità del mio caro amico Emilio e l’ospitalità della sua fantastica sorella Katia. A chi, prima della partenza, ha storto un po’ il naso quando ho risposto che avrei passato la fatidica settimana di Ferragosto nella capitale inglese, devo rispondere che:

  • Il sole esiste anche lì! Fortuna o meno, non ho avuto un giorno di pioggia.
  • Si mangia benissimo! Sarà che ho l’anima da viaggiatore (e non da turista) ma io impazzisco per le “cucine” straniere.

In poco più di 4 minuti, ho cercato di sintetizzare un’intera settimana di camminate, visite e uscite serali (tranne quelle rigorosamente Top Secret). Con una media di 22.000 passi e 17 km al giorno, penso di non aver visto nemmeno il 10% di questa bellissima città… Eppure me ne sono perdutamente innamorato. Tant’è che ho deciso di imparare la lingua e di tornarci il prima possibile.

Vi lascio al video (interamente girato con un iPhone 6s) con il desiderio di incuriosire chi non c’è ancora stato e di rinfrescare la memoria a chi, invece, ha vissuto già questa bellissima esperienza. Buona visione a tutti.

Summer Workout 2016

Brucia i grassi, aumenta il tono muscolare e migliora capacità aerobica e coordinazione. Tutto insieme in un’unica lezione. Parola di Nicola Ferrentino.

Il Summer Workout 2016 prende spunto dalle lezioni invernali di E.P.O.C. Training, classi in cui grazie all’alternanza di esercizi (eseguiti per lo più a carico libero) per la parte inferiore e superiore del corpo, si cercava di aumentare il consumo di ossigeno a riposo e di conseguenza il metabolismo.

Dopo un breve riscaldamento, più o meno coreografato, di 5/10 minuti, la parte centrale della lezione comprende esercizi aerobici ed esercizi di resistenza e mira ad alternare periodi in cui si sollecita maggiormente la frequenza cardiaca e periodi in cui si sollecitano maggiormente i muscoli.

Se le sessioni sono ben eseguite, l’attività è eccezionale in quanto, oltre a stimolare la motivazione, potenzia l’apparato cardiovascolare, riduce la percentuale di grasso e stimola la tonificazione muscolare.

Il video che vi posto è molto esplicativo. Se vi piace… Condividetelo sui vostri canali Social. Buona visione!

“Tanto non facciamo tardi!”

Quando fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio.

Sono sicuro che tutti quanti voi, almeno una volta nella vostra vita, siete stati vittima di un parente/amico/conoscente/passante che al vostro timore di rincasare a notte inoltrata abbia risposto: “tanto non facciamo tardi!”.

“Domani devo lavorare” – “Tanto non facciamo tardi!”

“Domani devo studiare” – “Tanto non facciamo tardi!”

“Domani devo sconfiggere tutti i mali del mondo” – “Tanto non facciamo tardi!”

“Domani…” – “Ceccis… Tanto non facciamo tardi!”

E’ inutile rispondere, cercare di controbattere o di trovare una scusa più o meno plausibile. Queste persone, con occhi preganti e imploranti, riusciranno a convincervi che anche partendo da casa alle 22, voi per l’1 starete già a letto, beati e sognanti. Peccato però che nella realtà, le cose andranno sempre in un altro verso… E non in quello che sperate voi. Che sia un caffè, un aperitivo, una festa di compleanno, un concerto gratuito in piazza, una sagra di paese o un qualsiasi evento più o meno mondano, ci andrete con la speranza che tanto, 6 ore di sonno, riuscirete comunque a farle… E invece… Niente di più sbagliato! Al massimo riuscirete a farne 4 e vi spiego anche subito il perché.

All’appuntamento delle 22, dovrete subito aggiungere circa 45 minuti di ritardo. Il traffico per tornare a casa, la doccia, la cena, la seconda doccia (soprattutto in estate che si suda tantissimo), la telefonata di un’amica appena ridiventata single, il cane che non voleva fare la pipì… Tutte le scuse saranno buone per giustificare un ritardo ingiustificabile al quale dovrete arrendervi con sconsolata rassegnazione. La coda di auto che vi dovrete subire fino alla meta finale sarà degna di un esodo di inizio agosto e anche quando sarete arrivati a destinazione, trovare un posto auto sarà difficile come andare in un centro commerciale al primo giorno di saldi. Alle 23.30, ancor prima dell’inizio della serata, vi starete già amaramente pentendo di aver dato per buone, le parole del vostro amico e prometterete a voi stessi, con la formula magica “la prossima volta però…”, di non cadere nuovamente nell’errore appena compiuto. Di solito vi presenteranno queste serate usando aggettivi come “simpatiche” e “divertenti”, posti in cui potrete vedere e conoscere gente nuova, ma nella maggior parte dei casi, non solo vi annoierete a morte ma dovrete farlo insieme a persone che conoscete gia e che magari non potete nemmeno sopportare. Insomma… Una vera e propria tragedia! Manco Fantozzi! All’1:30, orario in cui sareste già dovuti essere a letto, beati e sognanti, purtroppo sarete ancora in giro a trovare un bar per l’immancabile caffè notturno. Il caffè, si sa, concilia il sonno, vuoi andare a dormire senza averlo preso? Comodamente seduti al tavolino o consumazione veloce al banco, tornerete comunque a casa non prima delle 2.30, dopo aver riaccompagnato tutti a casa, amico del “tanto non facciamo tardi” incluso. Finalmente alle 3, con due ore di ritardo sulla tabella di marcia, sarete finalmente a letto, con il vostro cellulare/sveglia pronto a ricordarvi che suonerà precisamente tra 4 ore!

Si dice che “sbagliando si impara” e in tante cose è vero… Ma non per questa cosa qui. In un modo o nell’altro infatti, queste persone, con abili parole e fare ammaliante, riusciranno sempre a farvi inciampare e cadere.

Il #TantoNonFacciamoTardi potrebbe tranquillamente diventare un hashtag (tanto di moda adesso) grazie al quale potreste iniziare a ricordare, a voi stessi e agli altri, di tutte le volte in cui siete stati vittime di questo gioco… Gioco nel quale, pur conoscendo a memoria le regole, risultate essere sempre dei perdenti.

E voi? Avete un amico #TantoNonFacciamoTardi? Vi capita spesso di essere vittima di questo gioco? Allora condividete l’articolo e taggate il vostro carnefice. E buona serata a tutti! 😉

quo181suea_o05