Alimentazione, Allenamento

Dai il giusto valore al mio servizio

Molti di voi, come me, hanno perso il lavoro, ma molti, per fortuna lo hanno mantenuto. Ed è proprio a voi, adesso, che chiedo di tenere in vita anche per il mese di aprile, il servizio di mini class on line sulla mia pagina. Un piccolo contributo spese (ognuno dà quel che può), per portare avanti questo progetto che purtroppo sicuramente si protrarrà ancora a lungo. Un po’ come ci si abbona a Netflix o a Sky… Basta poco. Trovate tutte le coordinate qui sotto.

Nella causale scrivete “io resto in salute” e il vostro nome e cognome. Grazie di cuore in anticipo a tutti quelli che daranno il giusto valore al mio servizio. Restiamo a casa… Ma in salute.

Bonifico Bancario intestato a: FERRENTINO NICOLA

IBAN: IT40L0301503200000005889891

oppure

Ricarica PostePay intestata a: FERRENTINO NICOLA

Numero Carta: 4023 6009 6336 3108

Nicola Ferrentino

Alimentazione

Danni e benefici del caffè

Sfatiamo alcuni miti su caffè e caffeina. Vediamo di seguito in quali condizioni sono sconsigliabili e perchè.

Gli effetti della caffeina sono molto conosciuti. La caffeina determina un leggero aumento della pressione arteriosa, eccitabilità, insonnia, tachicardia, aumenta la secrezione gastrica (da evitare quindi in caso di ulcera o gastrite), provoca un aumento della diuresi e del metabolismo basale.

E’ stata inoltre osservata una stretta correlazione tra consumo di caffè e aumento del tasso del colesterolo totale; non esistono invece prove concrete di correlazione tra caffeina e cancro. Dato che la caffeina viene trasmetta con il latte materno è bene evitare di consumarla durante l’allattamento. Alcune sostanze presenti nel tè e nel caffè e nelle bevande contenenti caffeina possono interferire con l’assorbimento del ferro.

Caffè e caffeina non provocano osteoporosi, ma le donne che consumano forti quantità di caffè, tè e bevande con caffeina invece del latte possono avere un livello di rischio più elevato nei riguardi di tale patologia. La caffeina rilassa la valvola che si trova fra la parte bassa dell’esofago e lo stomaco. E’ bene quindi fare attenzione nel caso di ernia iatale. Inoltre caffè, tè e bevande con caffeina possono aggravare eventuali ulcere provocando un aumento delle secrezioni acide nello stomaco (vale anche per tutte le bevande decaffeinate).

Nel caso si soffra di bruciori di stomaco o ulcere e non si intenda smettere di bere bevande contenenti caffeina è bene cercare almeno di evitarli in associazione ad altri alimenti che possono aggravare la situazione (come arance e pomodori). Attenzione anche all’aggiunta del latte perchè si peggiora solo la situazione (l’associazione di caffè e latte stimola la secrezione degli acidi).

La caffeina incrementa il flusso sanguigno nei reni quindi agisce anche come diuretico favorendo la minzione. Può anche stimolare la defecazione.

Il caffè è comunque sconsigliato:

  • A chi soffre di aritmie, ulcera, gastrite, patologie dell’orecchio interno
  • Ai soggetti stressati, ansiosi, eccitabili o che soffrono di insonnia
  • Ai soggetti ipertesi
  • Ai soggetti affetti da ipecolesterolemia.

Nell’individuo sano non ci sono controindicazioni all’assunzione di caffè: attenua la stanchezza, agisce positivamente sul tono muscolare e sull’umore, migliora la concentrazione e il metabolismo.

E tu? Quanti caffè consumi al giorno. Scrivimelo in privato sui miei canali social.

Allenamento

La postura perfetta: la guida definitiva

Come assumere atteggiamenti corretti della colonna vertebrale durante la vita di tutti i giorni.

La vita che conduciamo è ricca di momenti e occasioni che influiscono negativamente sulla nostra colonna vertebrale. Stare seduti per troppo tempo, guidare, trasportare carichi troppo pesanti o stare sui tacchi, sono tutti “traumi” a cui sottoponiamo il nostro corpo durante la giornata. Dannosa è, soprattutto, la cosiddetta “insufficienza muscolare funzionale” che, in parole povere, può essere tradotta in scarsa (o inesistente) attività fisica programmata e controllata.

La conseguenza di una scarsa stimolazione muscolare è una postura scorretta che, nei casi più gravi, può portare ad infiammazioni e dolori che possono cronicizzare nel tempo.

A questo problema risponde il Pilates Vertebrale, con esercizi specifici per stimolare correttamente la muscolatura posturale, ridurre le infiammazioni, dolori cronici e soprattutto la correzione dei dismorfismi.

DIFFERENZE TRA LA SCHIENA DI UNA PERSONA ALLENATA E DI UNA SEDENTARIA

Il miglioramento della muscolatura del tronco ci permette di ridurre notevolmente il carico destinato ai dischi intervertebrali lombari. Per questo. un’attività fisica ben condotta e mirata può diminuire molto le possibilità di insorgenza del mal di schiena e attenuare i malesseri da questo derivati.

Oltre ad una corretta attività motoria, è estremamente importante, però, conoscere le posizioni corrette da far assumere alla nostra colonna vertebrale durante la vita e i gesti di tutti i giorni.

IN PIEDI

Nella posizione eretta, il carico di tutto il corpo viene sopportato dalla colonna, che ha il suo unico punto di appoggio nel bacino, a sua volta bilanciato dagli arti inferiori. Quando sentite una lieve stanchezza nella zona bassa della schiena e dovete rimanere per forza in piedi, provate a piegare leggermente le gambe all’altezza delle ginocchia, e spostate una parte del vostro peso proprio sugli arti inferiori.

SEDUTI

Quando vi sedete su una poltrona comoda o sul divano cercate di non scivolare in avanti e mantenete la zona lombare sempre aderente allo schienale. Evitate poltrone e divani con la seduta troppo morbida e di tanto in tanto, sgranchite un po’ il corpo, camminando un po’.

Se studiate o passate molto tempo alla scrivania, utilizzate sedie e tavoli proporzionati. Se usate il computer, è consigliabile mantenere una giusta distanza tra i nostri occhi e lo schermo. Anche la tastiera dovrà essere ad una altezza adeguata alle braccia (il rischio è quello di sovraccaricare il muscolo “trapezio” e la parte alta della colonna vertebrale).

Fate attenzione anche in auto. Un’errata regolazione dei sedili, spesso costringe gli automobilisti in posizioni scorrette e pericolose. Provate ad usare un cuscinetto lombare semisferico e a non lasciare troppa distanza tra sedile e volante (anche qui il rischio è quello di sovraccaricare il muscolo “trapezio” e la parte alta della colonna vertebrale).

Ti ricordo che il corso di Pilates Vertebrale si tiene, in esclusiva, al Vitalica Sporting Center di Sarno, il martedì e il giovedì alle 10, 18, 19 e 20. Per tutte le informazioni, puoi contattarmi in privato.

Nicola Ferrentino

Allenamento

Vivere al meglio lo “stress”

Comprendere il significato della parola “stress” è il primo passo per raggiungere con successo un’ulteriore tappa lungo la strada verso il benessere.

Vivere al meglio lo stress

“Sono stressato, lasciami stare!” Quante volte abbiamo detto a qualcuno questa frase o ce la siamo sentita dire? Sicuramente tante. Questa espressione accomuna le persone più diverse, lo studente prima di un esame, un genitore all’ennesima richiesta del figlio, un capo nei confronti di un collaboratore o un manager alle prese con dei problemi da risolvere. E’ un termine che ha molti significati: viene utilizzate per indicare cose diverse e, in funzione delle convinzioni di ogni persona, qualsiasi situazione può essere valutata come “stressante”. Infatti, nella mente di ciascuno, non sono stressanti solo gli eventi significativi della vita, come andare a vivere da soli, iniziare un nuovo lavoro o avere dei figli, ma lo sono anche situazioni meno rilevanti come, ad esempio, comprare un regalo per i genitori, riprendere a lavorare dopo le vacanze o alzarsi in orario la mattina.

Uno degli obiettivi del Pilates Emozionale è quello di permettere alle persone di riconoscere questi “momenti” e di aiutarli ad affrontarli e a gestirli in modo appropriato, riducendo, in maniera adeguata, le difficoltà percepite. Ovviamente il Pilates Emozionale non si rivolge a persone che soffrono di disturbi psicopatologici (per curare i quali esistono strutture e professionalità specifiche) ma a persone in salute, affinchè possano migliorare la gestione delle situazioni stressanti della loro vita.

Durante il corso, impareremo delle semplici ma efficaci tecniche di rilassamento che influiranno positivamente non solo sul vostro fisico (regolarizzazione del battito cardiaco, della respirazione e delle funzioni viscerali) ma anche sulla vostra mente. Il segreto sta nella disponibilità a voler imparare, nel seguire un metodo corretto e nella ripetizione degli esercizi per un periodo sufficiente a sviluppare il livello di abilità che è necessario raggiungere.

Non potete evitare lo “stress” ma potete cambiare il modo di percepirlo e di viverlo.

Per avere maggiori informazioni, chiamami al 338.230.26.60, oppure inviami una mail a nicolaferrentino@gmail.com

Fidatevi di me, Nicola Ferrentino.

Allenamento

Il Pilates che vi rende migliori

“L’uomo nasce come seme: può diventare un fiore oppure no. Dipende tutto da te, da cosa fai di te stesso; crescere o no dipende da te. E’ una tua scelta e questa scelta va affrontata ogni momento; in ogni istante ti trovi ad un crocevia”.

Il Pilates che vi rende migliori

Quando ho letto la prima volta questa frase, mi trovavo ad un punto cruciale della mia vita: continuare a fare un lavoro che mi dava soddisfazioni economiche ma non personali o rischiare il tutto e per tutto e provare ad essere davvero felice? Vi assicuro che non ci ho dormito per notti intere… E non lo scrivo tanto per scrivere… E’ stato realmente così… Con la luce accesa, seduto al centro del letto, a fissare il vuoto e a pensare quale bivio prendere.

Ovviamente (ma mica tanto poi) ho scelto di essere felice (o per lo meno di provare ad esserlo) e di fare ciò che più mi piaceva fare: far stare bene gli altri! Ad aiutarmi in questo percorso ci sono state due cose: il Pilates e la Meditazione. Il primo per rafforzare il corpo, renderlo più bello e armonico e la seconda per rilassare la mente, schiarire le idee e ricaricare le energie perdute.

L’idea di creare un protocollo di lavoro che sintetizzasse il percorso che avevo fatto io, mi è venuta qualche mese dopo. Ho pensato che come me, tante altre persone si trovano tutti i giorni con scelte più o meno difficili. Scelte che possono cambiare la propria vita in maniera più o meno radicale e che quindi hanno bisogno di essere quanto più chiare e serene possibili.

Se anche tu come me, ti sei chiesto tante volte “cosa mi manca per essere davvero felice?”, hai attraversato o stai attraversando un periodo complicato oppure hai voglia di metterti in discussione e di scoprire qualcosa in più di te e delle tue emozioni, il Pilates Emozionale è il corso giusto per te.

Per avere maggiori informazioni, chiamami al 338.230.26.60, inviami una mail a nicolaferrentino@gmail.com oppure usa il “contact form” dopo la locandina.

Nicola Ferrentino

Allenamento

Come avere degli addominali perfetti

L’allenamento dei muscoli addominali riceve da sempre la massima attenzione da parte di molte persone che si dedicano allo sport. Ma sappiamo davvero tutto sul corretto allenamento di questa parte del corpo? Scopriamolo insieme!

Le attrezzature viste in TV possono rendere più efficace il mio allenamento?

Le persone anziane o fisicamente poco attive possono usare questi attrezzi per evitare movimenti inutili, dovuti per di più alla mancanza di esperienza: tutti gli attrezzi prevedono infatti un supporto per le braccia e un appoggio per la nuca per isolare il più possibile il gruppo muscolare addominale. Molti di questi sono presentati come “potenziatori” del “crunch” o del “sit up” ma solo in rarissimi casi apportano un reale vantaggio. Meglio lavorare a corpo libero.

Come posso allenare gli addominali bassi?

Anche se il Retto dell’Addome è un unico muscolo, è stato dimostrato che prevede alcune differenze nel coinvolgimento delle due zone prese in esame. Tali differenze però, sono talmente lievi, da essere trascurabili. Dalle ricerche più avanzate si evince che quasi tutti gli esercizi attivano maggiormente la parte alta. Solo il “crunch inverso” o “reverse crunch” ha dimostrato una inversione di tendenza. L’esercizio principe è sicuramente il “crunch su fitball” in quanto la componente di oscillazione dell’attrezzo richiede un maggior coinvolgimento del muscolo.

Quanti addominali devo fare prima di vedere dei risultati?

Ricordate che nessun esercizio fa dimagrire in modo mirato, pertanto non è necessario fare solo tanti addominali. Per perdere l’odiata “pancetta” dovete quindi ridurre il grasso corporeo totale, combinando possibilmente una corretta alimentazione e un adeguato allenamento. E per farlo non bastano pochi minuti al giorno: occorre un corretto piano di attacco che solo un bravo Personal Trainer vi saprà indicare.

Esercizi

Crunch e Plank su Fitball: per il primo esercizio potete effettuare 3 serie da 15 ripetizioni con respiro lento e profondo; per il secondo esercizio (che potete eseguire anche senza fitball), potete effettuare 3 serie da 30 secondi l’una.

Per altri esercizi o consigli sull’allenamento dell’addome (e di tutto il corpo) non esitate a contattarmi. Anche sui miei Social.

Alimentazione

Cosa mangiare in vacanza

Nutrirsi in modo corretto in vacanza è utile non solo per la linea, ma anche per mantenere il giusto equilibrio idrosalino e assicurarsi un’abbronzatura uniforme, sicura e di lunga durata. Vediamo come.

Verdura

Tutte le varietà di colore giallo-arancio e verde scuro sono ricche di carotenoidi, composti che favoriscono l’abbronzatura. Grande spazio, dunque a carote, peperoni, zucchine, spinaci e insalate a foglia verde. Molti di questi ortaggi, inoltre, contengono vitamina A ed E, importanti per contrastare l’azione antiossidante dei raggi solari e mantenere integre le strutture profonde della pelle (collagene ed elastina), da cui dipende il turgore dei tessuti.

Frutta

Le varietà estive sembrano fatte apposta per rispondere alle esigenze dell’organismo in questa stagione: albicocche, pesche, ciliegie e susine sono ricche di carotenoidi e vitamine antiossidanti – A, C ed E – che neutralizzano i radicali liberi responsabili del fotoinvecchiamento. Inoltre, hanno un elevato contenuto di liquidi e un apporto calorico molto modesto. I frutti più indicati per combattere la disidratazione sono l’anguria e il melone, grazie all’alta percentuale di acqua della loro polpa.

Pesce

E’ un alimento digeribile, poco calorico e ricco di acidi grassi benefici per cuore e arterie (Omega-3). Al mare, poi, è sicuramente freschissimo, quindi particolarmente carico di iodio, un minerale fondamentale per il buon funzionamento della tiroide, la ghiandola che regola i processi metabolici. Quando manca, il metabolismo rallenta e si brucia di meno. Se andate in villeggiatura in Italia, date la preferenza al pesce azzurro (come alici e sardine), che si pesca in abbondanza nei nostri mari: è economico, leggero e ha un contenuto di grassi “buoni” davvero notevole.

Bevande

Soprattutto in estate è importante “ascoltare” l’organismo e prevenire la sete. Quando lo stimolo si presenta, vuol dire che i liquidi corporei sono già “in riserva”. Bere molto, almeno un litro e mezzo di liquidi al giorno, è l’unico antidoto contro la disidratazione. La bevanda migliore è l’acqua, meglio se liscia e con un Ph superiore a 7. Vanno bene anche i succhi di frutta, meglio se senza zucchero e preparati con frutta fresca (con un estrattore).

Mangiare in spiaggia

  • Bisogna evitare di mangiare sotto il sole. Meglio sotto l’ombrellone;
  • I cibi vanno conservati in una borsa termica capiente, da tenere sempre all’ombra;
  • Sono da evitare alimenti che deperiscono facilmente con il caldo, come creme, salse e formaggi freschi;
  • Per comodità, conviene dare la preferenza a cibi che si possono mangiare con le mani come panini (leggeri) e frutta.

E tu? Cosa mangi in estate? E in spiaggia? Fammelo sapere sui miei social.